• Area 1
  • Area 2
  • Area 3
  • Area 4
  • Area 5
  • Area 6
  • Tutelare e proteggere
    La salute e la vita

  • Costruire comunità più forti
    Favorire l'inclusione sociale

  • Risposte tempestive ed efficaci
    Ad emergenze e disastri

  • Diffondere i valori umanitari
    Il diritto internazionale e la cooperazione

  • Promuovere una cultura della cittadinanza attiva
    Essere agenti di cambiamento

  • Catalizzare l'attenzione pubblica
    Mobilitare maggiori risorse

Pronto a diventare volontario della Croce Rossa? Partecipa al prossimo corso base. Sono aperte le iscrizioni.

Essere volontario in CRI significa poter fare un volontariato professionalizzato e competente, attraverso una formazione costante che permette, a chi lo desidera, di specializzarsi in una o più tra le tantissime attività che Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale di Rimini svolge quotidianamente sul territorio.

SE HAI TRA I 14 ED I... #150 ANNI diventa volontario!

Per far parte della più grande organizzazione umanitaria al mondo occorre frequentare un corso di accesso base che fornisce le prime nozioni legate alla Storia di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Internazionale ed alle manovre base di primo soccorso; in seguito ad un esito positivo dell'esame teorico/scritto e pratico conclusivo si diventa a tutti gli effetti volontari di Croce Rossa Italiana.

Successivamente, dopo aver visto quali sono le attività svolte dal Comitato, potrai decidere liberamente in quali e quante attività specializzarvi o, perché no, proporre direttamente delle attività concrete da attivare, sulla base di bisogni rilevati sul territorio.

L'impegno richiesto è variabile sulla base delle proprie disponibilità e prevede, come misura minima, almeno un servizio ogni 60 giorni (se non si è formati su attività sanitarie) oppure minimo 25 servizi l'anno (per mantenere la qualifica di volontario soccorritore abilitato alle attività a carattere sanitario).

A breve partirà un corso per aspiranti volontari C/o l'unità territoriale CRI afferente al Comitato Provinciale CRI di Rimini, sita C/o il Palazzo Cappelli, piazza Cappelli, Secchiano (Novafeltria).

Puoi decidere di frequentare il corso C/o questa sede e, comunque, prestare attività in ognuna delle quattro unità territoriali del Comitato (Novafeltria, Villa Verucchio, Rimini Marecchiese o Rimini Mameli) oppure ancora, in uno qualsiasi degli altri Comitati CRI d'Italia.

Il corso vedrà la serata introduttiva il giorno 4 febbraio 2015 ore 21:00 presso la sala parrocchiale di Novafeltria sita in via della Pieve, 9. All'interno della serata vi verrà spiegato nel dettaglio cos'è Croce Rossa Italiana e quali sono le modalità per partecipare al corso.

Il corso ha durata di 7 lezioni, a cadenza periodica settimanale (2 incontri serali a settimana da 2 ore ciascuno, tranne il modulo sanitario che ha durata di 4 ore ad incontro), e prevede un esame teorico-pratico finale.

Per potersi PRE-ISCRIVERE CLICCA QUI

Per ogni informazione, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contatta il numero 0541-29788 (tutti i mercoledì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00).

Altre info su Croce Rossa:

IN + CI SEI TU

www.cri.it

www.cririmini.it

www.ifrc.org

www.icrc.org

____________________________________

Pagina Facebook UFFICIALE

#myrimini #RaccontaRimini

Comunicato Stampa 0001/2015

In merito alle notizie apparse in data 4 gennaio 2014, inerenti l’indagine del P.M. Ercolani in ordine alla sospetta modalità di assunzione posta in essere da parte di un funzionario CRI appare utile precisare alcuni aspetti fondamentali:

  • Il Comitato Regionale CRI dell’Emilia-Romagna ha ritenuto necessario provvedere a presentare formale esposto in Procura a seguito di due ispezioni interne, avvenute per verificare l’esattezza di alcune segnalazioni pervenute da parte di volontari CRI. Tali ispezioni hanno evidenziato anomalie gestionali per le quali Croce Rossa Italiana ha ritenuto, a garanzia di totale trasparenza e correttezza del proprio operato, dare mandato di verifica alla Procura della Repubblica. E' di tutta evidenza, pertanto, la capacità endogena del Comitato Provinciale della Croce Rossa Italiana di saper illuminare situazioni che rischierebbero di oscurare la quotidiana attività dei tanti volontari che dedicano tempo e risorse a questa Istituzione.

 

  • I fatti in questione si riferiscono a verifiche avvenute nel periodo settembre-novembre 2013, ossia non solo verso l'epilogo della precedente gestione, ma anche in una fase di transizione da una gestione di natura pubblicistica ad una di natura privatistica - così come previsto per tutti i Comitati Provinciali e Locali della Croce Rossa Italiana dal decreto legislativo 178/2012 – divenuta per il Comitato Provinciale CRI di Rimini operativa dal 2 gennaio 2014.

 

  • È del dicembre 2013 la designazione di un Commissario Provinciale CRI in seguito alle dimissioni dell'allora Presidente; compito accolto nella consapevolezza delle oggettive difficoltà insite nel ruolo stesso, ma nel contempo con la convinzione di poter improntare tutta l'azione, compresa quella di natura amministrativa, su presupposti di estrema chiarezza e senza nulla celare. È in tale prospettiva che il dipendente della Croce Rossa Italiana destinatario di accertamenti giudiziari è stato cautelativamente assegnato ad altra sede da parte del Comitato Regionale CRI dell’Emilia-Romagna, in attesa di definizione delle indagini che lo riguardano e che, fino ad eventuale sentenza di condanna, non potranno scalfire il presupposto di innocenza costituzionalmente tutelato. Garanzia ampiamente osservata dall'Ente e che non costituisce affievolimento delle prerogative della Croce Rossa in generale e di questo Comitato in particolare, per nulla incline a tollerare comportamenti inadeguati o comunque lesivi dell'immagine e del buon nome, siano essi posti in essere dai propri dipendenti, dai propri volontari e/o dai propri rappresentanti istituzionali;

 

  • Croce Rossa Italiana, che è in questo momento coinvolta in una importante e storica riforma di riordino, non asseconda e non tollera chi abusa del proprio ruolo e/o della propria posizione all’interno dell’associazione, tanto che – così come dimostra lo stesso caso in esame – non manca di promuovere ogni iniziativa atta a favorire un' immediata chiarezza delle circostanze e ad assumere tutti i necessari provvedimenti finalizzati a scongiurare il verificarsi di qualsivoglia ombra sulla più grande organizzazione umanitaria al mondo;

 

  • La nostra azione sul territorio, concettualmente lontana anni luce da qualunque calcolo di convenienza, mira a prevenire, mitigare e ridurre le cause di vulnerabilità. Si propone altresì – non solo attraverso la propria appartenenza al sistema di protezione civile nazionale – di creare comunità più resilienti (cioè in grado di rispondere in maniera autonoma e preparata ad un evento traumatico, riuscendo a ripristinare la condizione originaria rispetto all’evento stesso). Questo è possibile grazie anche all’immutata stima che, nel corso del tempo, tutti nutrono verso la nostra Istituzione;

 

  • In un’ottica di sempre maggiore efficacia e trasparenza, il Comitato Provinciale CRI di Rimini, già impegnato sul territorio in diversi progetti – tra i quali per esempio quello legato alla fenomenologia della prostituzione, che viene attuato in collaborazione con importanti partner locali -, renderà pubblico il proprio bilancio sociale a far data da aprile 2015.

 

In definitiva è da tempo in atto una rinnovata “governance” locale, la predisposizione di azioni immediate e concrete nei confronti di situazioni intollerabili, l'attuazione di attività mirate e destinate al territorio (sia in ambito sociale che in ambito sanitario), una maggiore trasparenza ed una rinnovata collaborazione con le istituzioni locali. Sono queste le risposte che Croce Rossa Italiana fornisce a chi intende, anche solo per un momento, ipotizzare l'esistenza di qualcosa di poco chiaro all'interno di questo grande mondo associativo. É l'impegno quotidiano a rendere diafana la nostra azione e singole posizioni di dubbio, peraltro fatte emergere dall'organizzazione stessa, non possono in alcun modo obnubilare la forza e la ricchezza etica di Croce Rossa Italiana.

***

CAPODANNO TUNGA!!!

 

Hai impegni per il prossimo 27/12/2014?

Ritorna il Cocoricó Tunga XXL presso la famosa discoteca Cocorico e, per l'occasione, una parte dell'incasso sarà devoluta a Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale di Rimini per la campagna 12-58

Il Comitato sarà presente con un proprio stand informativo dove, tra le altre cose, potrai testare quanto ne sai sulle malattie sessualmente trasmissibili! Ad ogni partecipante sarà distribuito un simpatico gadget. 


Divertimento e beneficenza non sono mai andati così d'accordo! Non mancare!!!

tunga XXL Capodanno CRI RIMINI simoncelli