• Area 1
  • Area 2
  • Area 3
  • Area 4
  • Area 5
  • Area 6
  • Tutelare e proteggere
    La salute e la vita

  • Costruire comunità più forti
    Favorire l'inclusione sociale

  • Risposte tempestive ed efficaci
    Ad emergenze e disastri

  • Diffondere i valori umanitari
    Il diritto internazionale e la cooperazione

  • Promuovere una cultura della cittadinanza attiva
    Essere agenti di cambiamento

  • Catalizzare l'attenzione pubblica
    Mobilitare maggiori risorse

Manovre di Disostruzione Pediatrica: impara con noi!

L'ostruzione delle vie aeree in età pediatrica è un evento abbastanza frequente e il rapido riconoscimento e trattamento può prevenire conseguenze gravi, anche fatali.

Conoscere e saper eseguire azioni modificando i propri comportamenti per mantenere e/o migliorare la salute dei bambini è essenziale.

Vi aspettiamo Giovedì 16 Novembre 2017 alle ore 20:30 con i nostri volontari CRI presso la sala Oratorio degli Artisti, in via Cavalieri, 12 Rimini, per una lezione informativa GRATUITA sulle manovre di disostruzione delle vie aeree pediatriche.

Iscrizione obbligatoria tramite mail a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Caldarola - Rimini: un anno dopo

 
Sabato 28 ottobre 2017, ad un anno dal terremoto che ha scosso tre regioni del centro Italia il 30 ottobre 2016, siamo tornati a Caldarola, nelle Marche, dove c’era il campo di Protezione Civile di Rimini. Ho vissuto su due piani questa giornata: da una parte, il ritrovarsi tra noi colleghi, che abbiamo condiviso una settimana di servizio e di vita a stretto contatto in quel periodo; le gioie di una casa ritrovata intatta, di un cane restituito al proprio padrone, di una sistemazione calda e stabile assegnata a tutti presso le strutture alberghiere. Dall'altra il dolore per oggetti e ricordi perduti per sempre, per amici separati, per quell'edificio scolastico, simbolo della storia del paese, andato distrutto e per anziani senza più le loro abitudini.
E poi ritrovarsi con le persone del paese con cui abbiamo stretti legami di amicizia mantenuti anche da Rimini.
 
In molti mi hanno chiesto il senso di questo viaggio, visto che, come si sa, nulla è cambiato e niente di nuovo c’era da vedere. Con questo resoconto voglio dare risposta proprio a questa domanda. Quando ho chiesto ai miei colleghi, Volontari di Protezione Civile, se fossero arrivati gli inviti per la celebrazione del 30 ottobre 2016 a Caldarola, il mio ex capo-campo Antonio mi ha risposto affermativamente, per nove posti "...e vedremo chi vuole aderire": il comune di Caldarola infatti, per non escludere nessuna componente della regione Emilia Romagna dalla giornata di memoria e ringraziamento, ha ristretto gli inviti a pochi Volontari per Associazione. Pochi giorni dopo mi ha confermato la propria partecipazione insieme ad altri otto colleghi. Allo stesso modo, quando ho contattato i Volontari CRI che erano stati in appoggio a Caldarola, grande è stato l'entusiasmo e la partecipazione: chi ha potuto ha preso le ferie. Chi ha voluto esserci ha detto "noi ci siamo ancora, non vi lasceremo soli e se potremo continueremo ad aiutarvi come in quei giorni in cui vivevamo fianco a fianco, in cui mangiavamo agli stessi tavoli, prendevamo lo stesso caffè nell’unico bar agibile rimasto in paese.
 
Nella gioia dei caldarolesi per averci rivisto e nel racconto della giornata scritto dal Comune di Caldarola, c’è il riflesso di un “lavoro fatto bene”, per usare le parole del nostro Volontario Raffaele. Nel commosso abbraccio tra il dottore del paese Nabil Alashkar e la Volontaria Claudia, a fine giornata, ho visto riassunto tutto il significato del nostro viaggio e le risposte da riportare a casa per chi il terremoto, per sua fortuna, lo vive solo da lontano.
 
Claudia, Volontaria CRI