• Area 1
  • Area 2
  • Area 3
  • Area 4
  • Area 5
  • Area 6
  • Tutelare e proteggere
    La salute e la vita

  • Costruire comunità più forti
    Favorire l'inclusione sociale

  • Risposte tempestive ed efficaci
    Ad emergenze e disastri

  • Diffondere i valori umanitari
    Il diritto internazionale e la cooperazione

  • Promuovere una cultura della cittadinanza attiva
    Essere agenti di cambiamento

  • Catalizzare l'attenzione pubblica
    Mobilitare maggiori risorse

Giornata della Memoria, Rocca (CRI): “Monito per combattere l’intolleranza. Ancora oggi tanti perseguitati e discriminati. Croce Rossa, baluardo dei diritti umani”

“Il giorno della memoria non è una ricorrenza polverosa da commemorare stancamente, ma rappresenta il simbolo della lotta contro la violenza e per i diritti umani. È l’occasione per ricordarci da dove veniamo e dove non vogliamo più andare. Oggi ha senso quanto ieri celebrare questa giornata perché nonostante i 70 anni trascorsi da quell’orrenda pagina storica, ancora ci sono esseri umani perseguitati, ghettizzati, sfruttati e discriminati solo per il loro genere o per il loro credo religioso, per la loro razza o per la propria condizione sociale. È coltivando la memoria che si combatte l’intolleranza e si tutelano i diritti umani. Perché la violenza trova terreno fertile nell’oblio e nell’ignoranza. In questi giorni assistiamo a una recrudescenza di fatti legati all’intolleranza e all’odio, alla paura dell’altro e al sopruso del diverso da noi. Abbiamo assistito (solo per citare gli ultimi fatti) all’attentato di Parigi e a quelli ripetuti in Nigeria che ci hanno mostrato l’abominio dei bambini kamikaze. E però, non serve andare troppo lontano. Qui vediamo ripetutamente attacchi omofobi, violenze sulle donne, costruzione di nuovi ghetti e innalzamenti di antichi muri. L’ho detto anche recentemente, nessun uomo è nato per essere schiavo. Questa è la missione umanitaria della Croce Rossa che, attraverso le sue donne e i suoi uomini impegnati sul territorio italiano e nel mondo, si fa ogni giorno di più baluardo dei diritti umani, custodendo e interpretando in ogni sede i 7 principi fondamentali”. 

Francesco Rocca, Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana

courtesy of cri.it

Serata sul tema "Emergenza Ebola"

Il 20 gennaio, alle ore 20.30 presso la Sala del Quartiere 5 (zona Coop Celle) il comitato provinciale della CRI di Rimini terrà un'interessante serata di aggiornamento e formazione obbligatoria per i Volontari CRI tenuta dal personale sanitario dell'AUSL di Rimini sul tema "Emergenza Ebola".

La serata è aperta anche a tutte le persone interessate al tema e per il programma si rimanda al volantino qui sotto.

Per info sulla serata è possibile contattare il Delegato Area 1 Mattia MURATORI tramite la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al numero 391-3658350.

 

Comunicato Stampa 002/2015

Il Commissario del Comitato Provinciale di Rimini della Croce Rossa Italiana Daniele Marano ha ricevuto – presso la sede operativa - i Dirigenti scolastici di Bellaria Igea Marina Carmelo Vito e dell’Istituto “Dante Alighieri” di Rimini Myriam Toccafondo, che hanno manifestato apprezzamento per un cospicuo approvvigionamento di carta igienica consegnata per le necessità degli studenti di ben 25 plessi scolastici tra i Comuni di Rimini e di Bellaria Igea Marina.

L’iniziativa locale rientra in un quadro nazionale che ha visto numerosi Comitati della Croce Rossa Italiana rifornirsi presso i magazzini dell’Ente di stanza ad Avezzano (Aq), cui un noto marchio produttore aveva donato – a scopo benefico – un ingente quantitativo di carta igienica.

Nel dettaglio, Bellaria Igea Marina ha ricevuto 130 pacchi – ciascuno dei quali contiene 30 rotoli – mentre Rimini ne ha ricevuto 115, con lo stesso quantitativo unitario, per un totale complessivo di ben 7.350 rotoli di carta igienica.

La scelta del Comitato provinciale riminese della Croce Rossa Italiana è ricaduta sulla Scuola, quale segno di attenzione alle realtà che coinvolgono i ragazzi nella delicata fase della loro formazione, anche allo scopo di manifestare loro la condivisa preoccupazione – anche per le piccole, ma indispensabili esigenze quotidiane – di altre realtà istituzionali che reputano il mondo della Scuola una realtà troppo importante per non stargli vicino, magari con semplici gesti e secondo le risorse di cui è possibile disporre.   

  

 

E Online su: Altarimini, Newsrimini.